Associazione Antonio Lanza, O.n.l.u.s.

Iscritta nel Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato - Settore Sanitario - codice SN-GE ASO-081/94 ai sensi del D.P.G.R. 6 giugno 1994 n. 624

Riconosciuta di diritto: Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale, ai sensi del d.legs 4 dicembre 1997 n. 460

Chi siamo, cosa facciamo

L'Associazione è nata nel 1989 in ricordo di Antonio Lanza, campione nazionale di vela prematuramente scomparso pochi mesi prima per una malattia del sangue.

Di lui ricordiamo che fu Azzurro d'Italia, che nel 1979 fu premiato dal Coni come miglior atleta di quell'anno, che nel 1985 fu secondo classificato nel Campionato mondiale di vela e che nel 1998 gli fu conferito alla memoria il Premio "Una vita per il mare", riconoscimento in passato attribuito a personaggi come l'Ammiraglio Durand de la Penne, Folco Quilici, Enzo Majorca.

Scopo principale dell'Associazione Antonio Lanza è quello di promuovere la solidarietà e l'assistenza alle persone colpite da malattie ematologiche o con gravi patologie, con un riguardo particolare verso i giovani, migliorando per quanto possibile la loro qualità di vita.

L'Associazione nasce quando la sua fondatrice, Anna Trucco Lanza, madre di Antonio, vivendo da vicino la durissima realtà della malattia, si rende conto che c'è un vuoto che si può tentare di colmare: quello delle piccole cose della vita pratica di tutti i giorni, stare vicino al malato nelle sue esigenze concrete, cercare di renderlo meno solo, aiutare i suoi cari a raggiungerlo, coprire le spese per i farmaci, fornirgli strumenti che possano alleviare la sua angoscia, sia fisica che psicologica.

Grazie all'aiuto di tanti amici di Antonio, l'Associazione è cresciuta e oggi è presente nel Padiglione di Ematologia dell'Ospedale San Martino di Genova, con un servizio di volontariato a disposizione degli ammalati.

Nel corso degli anni, organizzando mostre floreali, trofei di vela, corsi di antiquariato, concerti ed altro, e grazie al generoso contributo dei Soci, l'Associazione è riuscita a donare, su richiesta dei medici, apparecchiature necessarie alla gestione dei pazienti e delle loro patologie.

Fra gli aiuti più importanti diversi macchinari per le camere sterili, alcuni letti elettrici, strumenti medici e Personal Computer, il finanziamento di una borsa di studio, un ecocardiografo portatile chiesto per evitare rischiosi spostamenti a malati immunodepressi, in seguito integrato con lo strumento doppler e, ancora, un microscopio utile per analizzare in brevissimo tempo il midollo dei pazienti, ed un frigorifero per farmaci a temperatura controllata.

L' Associazione Lanza è entrata nel Guinness dei Primati 1998 per avere realizzato, nel Cortile maggiore del Palazzo Ducale di Genova, la composizione floreale più alta del mondo. Con questa iniziativa ha contribuito alla costruzione del Padiglione n. 6 dell'Ospedale San Martino di Genova, per il quale ha pagato anche parte del progetto.

Dal 2000 l'Associazione Lanza ha scelto di finanziare Laboratori di Arteterapia, e più recentemente di Musicoterapia e Fisioterapia rivolti ai pazienti della Divisione di Ematologia e Oncologia dell'Ospedale S.Martino e ai loro familiari, utilizzando gli strumenti propri delle arti figurative e musicali. Da aprile del 2010 finanzia un Progetto di Counseling, che ha come obiettivo di creare un luogo ed un momento di confronto dedicato ai pazienti affetti da "Lupus Erimatoso Sistemico", i quali potranno scambiare le proprie esperienze, coadiuvati da consulenti specializzati. Grazie a questi interventi di supporto psicologico, finalizzati all'espressione e all'elaborazione di stati d'animo, emozioni e sentimenti i malati ed i loro parenti hanno trovato un sostegno valido ed efficace per indirizzare le tensioni, le angosce, i complessi vissuti derivanti dalla malattia.

Ha inoltre ideato, interamente finanziato e distribuito gratuitamente il libro "Il cibo sia la tua medicina. L'alimentazione per difendersi al meglio dai tumori".

Al di là di tutti i risultati pratici conseguiti, restituire dignità all'ammalato resta l'obiettivo più importante che l'Associazione Antonio Lanza si pone. Essere presente ed accompagnare il paziente nel suo percorso di sofferenza, incertezza, disperazione e speranza. Stargli vicino per aiutarlo, anche con sforzi non indifferenti, ad affrontare la malattia a testa alta.

L'Associazione è giuridicamente riconosciuta e iscritta al Registro Regionale del Volontariato, ciò consente la deducibilità dei contributi sia per le Imprese che per i Privati. Può inoltre accettare legati o donazioni esenti da imposta. Ricordiamo, inoltre, la possibilità di destinare il 5 per mille dell' IRPEF alla Associazione Antonio Lanza Onlus firmando e indicando il codice fiscale 95023290109 nel Modello 730 o nel Modello Unico.

Grazie per ogni Vostro contributo